Mizuho Bank sta valutando i possibili servizi rivolti al cliente dopo aver testato un prototipo di moneta digitale in collaborazione con IBM Japan.

Il progetto, annunciato per la prima volta in giugno, ha visto la banca giapponese e la divisione locale di IBM testare la valuta digitale, una delle quali equivale a uno yen.

Secondo Nikkei , l'iniziativa ha avuto luogo tra luglio e settembre, concentrandosi su un'app che forniva informazioni sulle spese di ristorazione e usava come base la valuta del prototipo.

Altre istituzioni finanziarie giapponesi, incluso Mitsubishi UFJ Financial Group (MUFG), hanno testato il concetto di moneta digitale in passato. Lo stesso Mizuho ha anche sperimentato una serie di applicazioni da febbraio.

Quest'anno ha visto anche un gruppo di banche nazionali condurre un'esplorazione dei pagamenti interbancari tramite blockchain, i cui risultati sono stati pubblicati la scorsa settimana.

Con l'iniziativa Mizuho, ​​l'obiettivo era vedere se la banca potesse migliorare le sue capacità di monitoraggio delle transazioni e tagliare i costi associati allo spostamento dei fondi.

Come all'epoca IBM affermava:

"L'uso della propria moneta virtuale che commercia 1: 1 con lo Yen in un ambiente sicuro potrebbe potenzialmente fornire un miglior monitoraggio e controllo dello scambio di fondi ed eliminare alcune delle spese associato allo scambio di valuta cartacea. "

Da qui, Mizuho sta pianificando di valutare se la sperimentazione di valuta digitale supportata da IBM potrebbe portare a nuovi tipi di servizi per i propri clienti, secondo Nikkei . Tuttavia, i problemi di sicurezza giocheranno un ruolo in tali deliberazioni.

Immagine via Shutterstock