Sotto i titoli positivi - un anno da record per i finanziamenti delle startup e il crescente interesse degli incumbent finanziari - c'è un senso di disagio nel settore dei bitcoin nel dibattito ormai lungo mesi su una proposta di modifica del protocollo che governa quello che è oggi il blockchain pubblico più usato e più longevo del mondo.

Il dibattito sarà rinnovato in questo fine settimana quando alcuni degli stakeholder più influenti e storicamente elusivi del settore si riuniranno a Hong Kong per due giorni di discussioni tecniche come parte della seconda puntata di Scaling Bitcoin, una conferenza di sviluppo sponsorizzata da MIT, Blockstream e PriceWaterhouseCoopers, tra gli altri.

La partecipazione sarà rappresentata da rappresentanti chiave del team di sviluppo di bitcoin, tra cui il presidente di Blockstream Adam Back, lo sviluppatore principale Jeff Garzik e gli sviluppatori principali dietro la proposta Lightning Network, Joseph Poon e Tadge Dryja.

Inoltre, in un settore in primo luogo, le sue più grandi piscine minerarie - BW. com, F2pool, Antpool e BTCC Pool - si riuniranno per un panel in cui esprimeranno le loro opinioni sulla questione controversa.

Sulla scia di una conferenza inaugurale a Montreal a settembre, è sicuro che le aspettative per l'evento sono alte e varie.

Mentre i volumi delle transazioni di bitcoin raggiungono i massimi storici, gli osservatori del settore temono che la blockchain dei bitcoin sarà presto incapace di gestirli e elaborarli in modo tempestivo.

Oggi, bitcoin estrae i blocchi del prodotto fino al limite di dimensioni di 1 MB per blocco, un processo che avviene in media ogni dieci minuti. Con ogni nuovo blocco, 25 BTC vengono aggiunti alla rete.

Tutte le transazioni che trasportano il blocco di dati oltre questo limite, vengono quindi inviate al programma della rete. Lì, aspettano in un vero e proprio arretrato di transazioni in sospeso fino a quando un minatore è disposto ad accettare il compenso del mittente allegato alla transazione e includerlo in un altro blocco.

Naturalmente, il dibattito guadagna maggiore complessità dato che, per aumentare il limite di 1 MB, il 95% delle molte migliaia di computer che contribuiscono alla potenza di elaborazione della rete dovrà passare volontariamente a un nuovo aggiornamento software in quello che è noto come " forcella dura ".

I timori sul modo in cui le parti interessate reagirebbero a questo scenario hanno portato gli altri ad esplorare soluzioni per aumentare la capacità del bitcoin senza modificare le dimensioni del blocco, che sarà anche discusso all'evento.

Nel commento, il disagio sul dibattito tra la business community dell'industria è palpabile. Jack Liu, responsabile del business internazionale presso il colosso cinese di scambio OKCoin, ammette prontamente che, quando si tratta di soluzioni, "l'attenzione si sta attenuando".

Altrove, Amos Meiri, CEO della startup blockchain Colu, dice di aspettarsi di vedere "progressi e decisioni" all'evento, aggiungendo:

"Se il bitcoin non si ridimensionerà presto potremmo aver bisogno di pensare a alternative."

Una tregua spiacevole

L'ambiente equivale a quello che lo sviluppatore Paul Sztorc ha definito una" contraddizione incombente "tra i gruppi che vogliono uscire dalla conferenza con una soluzione, e la posizione ufficiale dell'evento che nessuna decisione del genere può essere prevista.

Lo sviluppatore Adam Back, ad esempio, ha tentato di unificare i membri della comunità nei messaggi della bacheca nella fase iniziale dell'evento, evocando il bene comune e incoraggiando gli utenti a non vedere quelli avversari come avversari.

" Affinché i bitcoin possano essere scalati, migliorati e protetti, è importante che gli utenti, la comunità tecnica e l'ecosistema agiscano in modo consensuale, informati dal discorso scientifico. La nostra concorrenza sono le inefficienze nell'ecosistema bancario / finanziario, non le une con le altre ", ha scritto.

Scaling L'organizzatore di Bitcoin Pindar Wong, che funge da consulente di strategia digitale per il governo di Hong Kong, si è anche spostato verso le aspettative minimizzanti per l'evento .

"Siamo solo una piattaforma", ha detto Wong a CoinDesk. "Stiamo cercando di mettere insieme qualcosa per utilizzare un approccio accademico e scientifico su come ridimensionare bitcoin. La comunicazione può portare alla collaborazione e speriamo che ci sia un consenso emergente, ma questo è al di fuori del nostro controllo. "

Per facilitare il dialogo, Wong ha detto che ci sarà la traduzione simultanea dell'evento in cinese e inglese, oltre a tre eventi sociali oltre ai colloqui tecnici.Inoltre, l'evento sarà trasmesso su YouTube e Ustream.

Come per i prossimi passi dopo la conferenza, Wong è stato meno chiaro, suggerendo che il suo focus è per ora sull'evento di Hong Kong .

"Speriamo di avere qualche moto in avanti su come ridimensionare bitcoin. Questo è chiaramente l'obiettivo del design. Come fare ciò richiede una complessa visione multi-stakeholder. Alla fine di [Hong Kong], esamineremo i prossimi passi per valutare se sono stati utili da un punto di vista tecnico ", ha detto.

Piccoli guadagni

Anche se vi è consenso sul fatto che la rete bitcoin ha bisogno di essere modificato, alcuni membri della comunità di sviluppo continuano a non essere convinti che siano necessari aumenti delle dimensioni del blocco.

Se la dimensione del blocco non aumenta, credono che si svilupperà un mercato in cui gli utenti devono pagare una tassa variabile transazioni sicure contro la blockchain, che potrebbero a loro volta influire sulla facilità d'uso di bitcoin.

Tuttavia, questi operatori del settore citano spesso la necessità che la blockchain bitcoin sia più piccola in dimensioni totali come un vantaggio di questo, poiché più individui o entità essere in grado di approvare convenientemente le transazioni e archiviare le versioni del libro mastro, il che, a loro volta, sostengono che renderà le transazioni della blockchain più resistenti alla censura di qualsiasi partito.

"Oggi l'intera blockchain supera i 50 GB", Bobby Le E, CEO di Bitcoin mining e dello scambio di aziende BTCC, ha spiegato: "Se aumentiamo drasticamente la blockchain, i computer della maggior parte delle persone non saranno nemmeno in grado di contenere la blockchain. Ciò potrebbe sfuggire di mano. "

Tuttavia, come notato dallo sviluppatore Peter Todd, un aumento più rapido è favorito dalle aziende che vogliono offrire agli investitori la fiducia che possono permettersi a bordo di nuovi clienti sulle loro piattaforme.

"La mia previsione principale è che non vedremo una soluzione di ridimensionamento accettabile da Coinbase e altri che sperano di aumentare radicalmente lo scostamento", ha detto Todd a CoinDesk. "Grandi promotori di blocchi come Gavin Andresen Finora non è riuscito a trovare alcuna prova che la loro soluzione di scaling sia tutt'altro che un semplice compromesso di centralizzazione crescente per transazioni più economiche. "

Ad oggi, BIP 101 è stato supportato da servizi bitcoin come Circle e itBit, mentre BIP 100 attinge la maggior parte del suo supporto dalla comunità mineraria. (Un elenco completo delle aziende che sostengono le proposte che possono essere trovate qui).

Todd ha detto che si aspetta un "piccolo aumento" in blocchi per essere approvato alla conferenza, ma ha notato che è probabile che qualsiasi decisione sia combattuta.

"Non è possibile soddisfare entrambe le richieste contemporaneamente", ha detto.

Lo sviluppatore Charlie Lee, creatore di litecoin alternativo di criptovaluta e direttore dell'ingegneria di Coinbase, ha ribattuto che l'azienda ha qualche aspettativa per l'evento.

"Speriamo che la comunità possa riunirsi e raggiungere un consenso su come andare avanti perché è stato un argomento molto controverso, ma speriamo di vedere alcune buone proposte, alcuni buoni inviti e alcuni numeri che le persone funzionerà in termini di come le proposte aiuteranno con il ridimensionamento ", ha detto a CoinDesk.

Minatori del paziente

Nel commento, i membri delle aziende minerarie presenti sembravano meno preoccupati per l'esito dell'evento, indicando a CoinDesk il loro interesse a partecipare e ad apprendere all'evento.

Jake Smith, direttore marketing estero di Bitmain, gestore del pool minerario di Antpool, ha detto che la sua azienda è entusiasta di partecipare poiché ritiene che i minatori siano "sottorappresentati" a Montreal. Forse a causa di ciò, tuttavia, ha detto che non si aspettava una soluzione da proporre.

"Quello che spero personalmente si realizzi è che sviluppatori e minatori possono iniziare a trovare una qualche forma di consenso su come aumentare la scalabilità di bitcoin", ha affermato.

Lee, il cui pool di miniere di BTCC controlla il 14% dell'hrata globale al momento della stampa, ha anche espresso la sua convinzione che i minatori potrebbero arrivare ad avere l'ultima parola sulle decisioni.

Un problema sollevato da questa comunità rispetto alla proposta BIP 101, ha detto Lee, è che, impostando in modo efficace gli aumenti di blockize con largo anticipo, previene i futuri voti sul problema in un secondo momento.

"È anche un dibattito politico, se le dimensioni dei blocchi e le decisioni future dovessero essere decise dal voto o dal creatore di bitcoin, satoshi stesso o un dittatore, o se fosse consentito votare," ha detto Lee. "Ci è stato chiesto di votare [su BIP 100 e BIP 101] e se dovremmo avere il permesso di votare. "

Marshall Long, CTO della società di consulenza mineraria FinalHash, ha ribadito che la comunità mineraria è in gran parte a favore di BIP 100. Tuttavia, si aspettava un" approccio combinato "potrebbe essere raggiunto presto, con alcune riserve.

"Per essere sinceri, la cultura può essere il problema più grande, non la lingua, molti occidentali semplicemente non capiscono", ha detto a CoinDesk.

Assenze notevoli

Nonostante l'impressionante schiera di rappresentanti del settore riuniti, ci saranno anche assenti notevoli. Gavin Andresen, maintainer di lunga data di bitcoin e uno degli sviluppatori più vecchi e più visibili della comunità, ha dichiarato che non viaggerà a Hong Kong.

Anche assente sarà lo sviluppatore e il nuovo impiegato R3 Mike Hearn, che insieme ad Andresen ha sostenuto la controversa proposta Bitcoin XT questa estate. Introdotto come Bitcoin Improvement Proposal (BIP) 101, Bitcoin XT mira ad elevare il limite di dimensione del blocco a 8 MB, che aumenterà un ulteriore 40% ogni due anni fino al 2036.

Anche se simili nell'intenzione di altre proposte, Bitcoin XT differiva in che Hearn e Andresen avevano attivamente cercato di incoraggiare gli operatori di nodi e i minatori a passare al cliente, incoraggiando efficacemente le parti interessate a votare su una proposta preferita.

Nelle dichiarazioni, Andresen ha espresso la speranza che l'industria raggiungerà un consenso su come procedere nel modo migliore senza di lui, anche se in precedenti osservazioni ha affermato che si aspetta che il dibattito prosegua oltre l'evento di questo fine settimana.

"Spero che la riunione di Hong Kong sia molto produttiva e gli sviluppatori che partecipano raggiungano un consenso su quanto velocemente aumentare la dimensione massima del blocco", ha detto a CoinDesk.

CoinDesk coprirà live Scaling Bitcoin da Hong Kong il 6 e 7 dicembre.

Credito immagine: Norman Chan / Shutterstock. com