Il lavoro del Federal Bureau of Investigation è ostacolato dall'uso criminale di valute virtuali, ha detto la scorsa settimana l'ex direttore dell'agenzia.

James Comey, che è stato nominato per la prima volta nel settembre 2013 dall'ex presidente Barack Obama, ha parlato davanti al Comitato giudiziario del Senato il 3 maggio, discutendo la questione come parte di una conversazione più ampia sugli sforzi dell'agenzia.

La sua apparizione è arrivata pochi giorni prima di essere stato licenziato dalla sua posizione martedì sera dal presidente Donald Trump, scatenando una tempesta di fuoco negli ambienti politici statunitensi dato che l'FBI sta indagando sulla campagna di Trump e sui suoi collegamenti con il governo russo.

Quello che ha detto: Durante la sua testimonianza, Comey ha discusso di come un numero crescente di criminali si stia oscurando, cioè oscurando i loro percorsi usando la tecnologia. Di conseguenza, gli investigatori federali stanno provando il colpo - "[influenzando] lo spettro del nostro lavoro", secondo Comey.

Ecco dove menzionava espressamente le valute virtuali:

"Alcuni dei nostri investigatori criminali affrontano la sfida di identificare i pedofili online che nascondono i loro crimini e identità dietro strati di tecnologie anonimizzate, o trafficanti di droga che utilizzano valute virtuali per oscurare le loro transazioni . "

Qual è l'impatto: Secondo Comey, l'agenzia sta cercando di trovare soluzioni - ma finora, questi sforzi non stanno dando molti frutti.

Chiamò la caccia per le correzioni "un processo che richiede tempo, costoso e incerto", proseguendo dicendo che anche i possibili approcci che hanno trovato sono imperfetti nella migliore delle ipotesi.

"Anche quando è possibile, tali metodi sono difficili da scalare nelle indagini e possono essere deperibili a causa di un breve ciclo di vita tecnico o come conseguenza della divulgazione attraverso procedimenti legali", ha spiegato Comey.

Né l'FBI è l'unica agenzia del suo genere a esprimere questa preoccupazione. A marzo, due importanti organi di polizia dell'Unione Europea hanno pubblicato una dichiarazione in cui si riconosce che la tecnologia sta rendendo difficile "seguire i soldi" durante le indagini.

Credito immagine: Arif Shamim / Flickr