Amor Sexton è consulente e avvocato degli Avvocati di Adroit, la prima pratica legale australiana specializzata in valuta digitale. Fornisce consulenza alle aziende della moneta digitale e ha collaborato con gli organismi del settore bitcoin per chiarire il quadro normativo in Australia.

In un recente articolo, Jon Matonis ha affermato che "il bitcoin richiede una difesa legale forte e aggressiva, non una complicità con i governi nella creazione di politiche e regolamenti".

L'attuale clima politico globale ha portato allo sviluppo di leggi sempre più pervasive e invadenti sui diritti dei privati. In molti paesi è necessaria una difesa legale forte e aggressiva per proteggere i diritti civili e le libertà civili contro le leggi draconiane.

Tuttavia, la comunità bitcoin non sta combattendo una battaglia contro le forze dell'ordine. Bitcoin non è una rivoluzione contro il governo. È un'evoluzione del modo in cui trasferiamo il valore, un'evoluzione del concetto di denaro e un'evoluzione dall'opacità centralizzata alla trasparenza decentrata.

Se visualizzato in questo modo, è facile capire perché il bitcoin deve poter continuare ad evolversi. Ma questo approccio aggressivo e conflittuale ai problemi legali del bitcoin perpetua solo un comune fraintendimento di come funziona il sistema legale in molti paesi.

Comprensione dei ruoli governativi

Gli attori governativi di solito svolgono uno dei tre ruoli: responsabili delle politiche, autorità di regolamentazione o forze dell'ordine. I politici fanno le leggi e i regolamenti. I regolatori interpretano la legge e amministrano il quadro che è costruito intorno alla legge. L'obiettivo delle forze dell'ordine è sostenere la legge catturando i trasgressori della legge e consegnandoli alla giustizia.

Questi ruoli distinti fanno sì che ogni area di governo abbia un focus diverso quando si tratta di bitcoin.

I politici vogliono vincere le elezioni. Le leggi e le politiche che adottano sono invariabilmente mirate a placare i loro elettori e vincere voti. Ciò significa che i responsabili politici di solito chiedono il "Perché?" domande. Perché la legge dovrebbe facilitare l'adozione di bitcoin? Perché dovrebbe essere regolato il bitcoin?

I regolatori chiedono il "Come?" domande. In che modo Bitcoin influenza ciò che facciamo? In che modo il bitcoin si inserisce nel quadro giuridico esistente? Come possiamo controllare efficacemente l'industria?

I funzionari delle forze dell'ordine di solito chiedono "Chi?" e cosa?" domande. Chi ha usato bitcoin per infrangere la legge e cosa hanno fatto?

L'ambiente normativo e legale incerto del bitcoin ha creato rischi per gli utenti di bitcoin e le aziende bitcoin. Tuttavia, ha anche creato un'opportunità unica in molti paesi per la comunità bitcoin di scrivere la propria narrativa. I governi di tutto il mondo hanno aperto inchieste pubbliche sulla moneta digitale e hanno chiesto il dialogo delle comunità bitcoin locali e internazionali.

Questa opportunità unica e probabilmente senza precedenti non dovrebbe essere data per scontata.

In vista dell'inchiesta del Senato australiano sulla moneta digitale, i senatori Matthew Canavan e Sam Dastyari hanno incoraggiato gli attori dell'industria della moneta digitale a far sentire le proprie voci:

"Se non aiutano a definire i loro regolamenti operativi, quindi i regolamenti daranno presto forma alle loro operazioni ".

La regolazione dell'uso di bitcoin è inevitabile

La blockchain non può essere regolata ed è difficile vedere come la regolamentazione delle transazioni peer-to-peer possa mai essere effettivamente raggiunta. Tuttavia, la regolamentazione della condotta delle attività bitcoin è inevitabile.

Se togli la tecnologia, una transazione bitcoin è una transazione finanziaria. Bitcoin come tecnologia rivoluzionerà i meccanismi del settore bancario e finanziario. Tuttavia, il bitcoin come valuta è semplicemente un modo migliore per spostare il valore dal punto A al punto B.

La supervisione regolamentare per le transazioni finanziarie svolge un ruolo importante nel proteggere i consumatori e l'economia nel suo complesso. Litigare contro qualsiasi forma di regolamentazione per le imprese bitcoin sta combattendo una battaglia persa.

La crisi finanziaria globale ha evidenziato la necessità per i governi di proteggere l'integrità dei loro sistemi finanziari. La crisi è in gran parte attribuita al fallimento normativo e alla deregolamentazione del settore dei servizi finanziari.

I fattori che hanno contribuito a questa crisi includono insufficiente liquidità e riserve di capitale, supervisione microprudenziale inadeguata, scarsa governance aziendale e pratiche di gestione del rischio e insufficiente trasparenza nel settore finanziario.

Bitcoin ha il potenziale per affrontare alcune di queste carenze, ma i governi sono preoccupati per la solidità del bitcoin come sistema di pagamento, problemi di protezione del consumatore, riciclaggio di denaro sporco o altre attività illecite, trasparenza finanziaria e responsabilità.

In parole povere, se un business bitcoin gestisce la ricchezza altrui, è necessaria una supervisione interna ed esterna. La tecnologia Bitcoin potrebbe aver rimosso la necessità di terze parti fidate, ma non ha rimosso la necessità per i consumatori e il governo di fidarsi delle aziende bitcoin.

Vendere la tecnologia

Invece di inveire contro il governo, la comunità dei bitcoin deve sfruttare al meglio le attuali opportunità per influenzare il processo decisionale del governo.

Se qualcuno chiede un "Perché?" domanda, non rispondi con aggressività aggressiva. Ne approfitti per spiegare perché e per rispondere con ragionamenti informati e persuasivi.

I politici vogliono sapere come bitcoin vincerà i voti. Le conversazioni in Bitcoin con i responsabili delle politiche devono evidenziare come questa evoluzione tecnologica stimolerà l'economia, creerà posti di lavoro, aiuterà le piccole imprese e aumenterà il libero flusso di capitali.

Al contrario, i regolatori non stanno cercando di vincere contest di popolarità. Come Charles Littrell, direttore generale esecutivo dell'Autorità australiana di regolamentazione prudenziale, lo descrisse:

"Chiunque si unisca a un regolatore prudenziale sperando di diventare popolare ha commesso un grave errore di carriera".

L'attenzione di un regolatore è concentrarsi sul proprio lavoro e garantire che anche le aziende svolgano il proprio lavoro. Le autorità di regolamentazione devono sapere in che modo le aziende bitcoin possono garantire la protezione dei consumatori e devono capire in che modo il bitcoin può effettivamente rendere più semplice questa protezione, non più difficile.

Ad esempio, il bitcoin è auspicabile per un regolatore perché la tecnologia stessa può facilitare l'autogoverno interno e l'autoregolamentazione.

Nel suo commento "BitLicense", l'Institute for the Future's Crypto-Economy Working Group ha delineato una serie di potenziali soluzioni tecnologiche in grado di rispondere alle preoccupazioni dei regolatori.

La governance e l'impegno in più firme hanno il potenziale per mitigare i rischi di errore o frode interna. Il controllo continuo in tempo reale può garantire l'integrità operativa delle attività bitcoin e include meccanismi per dimostrare riserve o solvibilità. L'analisi dei dati blockchain, il calcolo rapido delle transazioni e l'identificazione delle entità, possono tutti contribuire a risolvere le preoccupazioni relative allo sfruttamento del bitcoin da parte di attori illeciti.

Cogli l'opportunità

I responsabili politici e le autorità di regolamentazione non hanno bisogno di sapere come bitcoin toglierà il monopolio governativo sulla valuta o impedirà al governo di riscuotere le tasse. Devono sapere come Bitcoin può offrire alla comunità globale un'alternativa più sicura, più sicura e più trasparente al sistema bancario e finanziario tradizionale.

La comunità dei bitcoin deve impegnarsi in discussioni informate che affrontino direttamente le preoccupazioni dei governi riguardo al bitcoin e offrano suggerimenti su come il bitcoin può fare la differenza. Come affermato dal presidente della Australian Securities and Investment Commission (ASIC), "Sia i regolatori che l'industria devono lavorare insieme per raccogliere le opportunità, mitigando al contempo i rischi".

La consultazione con il governo non garantisce che la comunità bitcoin otterrà tutto nella sua lista dei desideri normativa. Ma anche una piccola vittoria può avere un grande impatto. Che si tratti di una sottomissione alla proposta di BitLicense, di una consultazione con l'Australian Taxation Office o di una discussione personale con un membro del parlamento locale, ogni discussione conta e ogni contributo contribuisce a plasmare la forma generale.

Sii tenace e determinato nella difesa legale del bitcoin. Basta ricordare: il miele batte l'aceto. Mani giù. Ogni volta. Non sottovalutare il potere del ragionamento persuasivo e non sprecare queste incredibili opportunità per partecipare al futuro del bitcoin.

Declinazione di responsabilità: Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autore e non rappresentano necessariamente le opinioni di, o non dovrebbero essere attribuite a, CoinDesk o Avvocati Adroit.

Immagine tramite CoinDesk