Everledger, la startup londinese nota per aver caricato le specifiche su 980.000 diamanti sulla blockchain bitcoin, ha annunciato una partnership con Vastari, un database di belle arti e mostre.

"Everledger e Vastari sono una scelta naturale perché siamo entrambi impegnati a proteggere la provenienza", ha dichiarato Leanne Kemp, co-fondatrice e CEO di Everledger. "Per noi si tratta di creare un record permanente per proteggere l'autenticità di un articolo, per Vastari garantisce la provenienza di un oggetto mentre è mobile. "

Vastari, in cui Everledger detiene una partecipazione, funge da intermediario tra musei d'arte alla ricerca di nuovi pezzi e collezionisti d'arte privati ​​che vogliono aumentare il valore della loro arte facendola esibire in pubblico. Questa nuova partnership vedrà le informazioni artistiche possedute da Vastari scritte immutabilmente sulla blockchain.

Kemp ha spiegato che i dati sono scritti nella blockchain pubblica, così come nel libro mastro autorizzato di Everledger.

"Avere un libro mastro autorizzato ci consente di servire meglio l'industria", ha affermato Kemp. "Crea un sistema in cui le autorizzazioni accessibili sono strettamente controllate, con i diritti di modificare o persino di leggere lo stato blockchain sono limitati a pochi utenti, mentre ancora mantenendo molti tipi di garanzie parziali di autenticità e decentramento che le blockchains [permettono]. "

Ha spiegato che ogni istituzione artistica sul libro mastro autorizzato poteva essere considerata un nodo separato.

"Si potrebbe immaginare un consorzio di 15 istituzioni artistiche, ognuna delle quali gestisce un nodo e di cui 10 devono firmare ogni blocco affinché il blocco sia valido", ha affermato Kemp.

Risorse ambigue

Mentre Everledger ha avuto successo con i diamanti a causa delle caratteristiche chiare delle gemme, l'arte è una bestia diversa. Bernadine Bröcker, direttore di Vastari, ha spiegato che ci sono quattro cose che sono viste nell'arte.

"Ci sono fattori chiave che sono tracciati su ogni pezzo d'arte", ha detto Bröcker. "La provenienza, che è di chi la possedeva, la storia della mostra, che è il luogo in cui entriamo, i riferimenti letterari che l'opera d'arte è stato referenziato in, e le parti vitali dell'opera d'arte - come la dimensione, l'aspetto, il titolo e il mezzo. "

È l'ambiguità dell'arte che rende molto più difficile rintracciare e offrire la frode prevenzione.

"Le belle arti e le antichità sono oggetti complicati che non possono essere semplificati con 40 punti dati", ha spiegato Kemp. Ha spiegato che l'attenzione dell'azienda sarà sulla "tracciabilità", insieme al movimento dei pezzi con processi di transazione rilevanti quando si tratta di finanziamento e assicurazione delle opere.

Ma ciò che veramente ha interessato il mondo dell'arte è il decentramento promesso della tecnologia blockchain.Se mai c'è un settore che è opaco, è il mondo dell'arte, con relativamente poche parti che esibiscono un controllo eccessivo. Bröcker ha spiegato che vi è preoccupazione nello spazio che un gruppo possa controllare tutti i dati. Tuttavia, con una blockchain, diventa impossibile dal momento che ogni parte coinvolta può visualizzare tutti i dati.

"C'è una tale fame nel mondo dell'arte per qualcuno che non sta cercando di vendere qualcosa, ma solo ... per accertare e aiutare la propria arte a essere vista", ha detto Bröcker.

Combattere le frodi artistiche

La piattaforma di Everledger ha creato una soluzione diretta al mondo dei diamanti, in cui ogni diamante è stato registrato sulla blockchain. Una volta archiviate tali informazioni, non è possibile manometterle, rendendo più difficile offrire diamanti contraffatti. Inoltre, con oltre 100 milioni di sterline in assicurazione pagate ogni anno per furto di gioielli, esiste un caso di utilizzo ovvio per un meccanismo di tracciamento condiviso.

Con l'arte, potrebbe essere un mercato ancora più grande.

"Ci sono state delle stime, di tutto il commercio artistico - che è miliardi all'anno - abbiamo sentito che il 70-75% dell'arte che viene scambiata è travisata", ha detto Bröcker, anche se poche ditte parlano di esso, il monitoraggio può essere difficile.

"Le belle arti sono viste come una risorsa a sé stante che le persone vogliono fare trading e vengono creati molti prodotti finanziari interessanti", ha affermato.

E visto che il commercio dell'arte è destinato ad aumentare, la trasparenza dei dati è della massima importanza.

Tuttavia, poiché la maggior parte degli attuali casi d'uso sono soluzioni blockchain, l'adozione diffusa è essenziale per una prevenzione efficace delle frodi.

"Funziona solo se tutti partecipano, quindi stiamo parlando con i principali attori in modo che diventi lo standard del settore ... e in modo che diventi parte integrante del quotidiano", ha dichiarato Bröcker.

Piani futuri

Kemp ha aggiunto che Everledger prevede di aggiungere altre due classi di attività al proprio libro mastro nel corso del 2016.

"Siamo in trattativa con un certo numero di marchi di lusso leader e produttori di beni di lusso in cui l'identificazione di un indelebile "L'incarnazione digitale dell'oggetto è importante per la provenienza dell'oggetto e la sicurezza della catena logistica", ha affermato.

Ha spiegato che il posto in cui si trova la sua azienda è la catena di approvvigionamento quando è necessaria la conoscenza della provenienza. Da lì, Everledger sviluppa un modello di business per ogni settore in cui si sta avvicinando.

La società prevede di generare entrate vendendo i propri dati, facendo pagare per la ricerca e il recupero dei dati e potenzialmente concedendo licenze alla propria piattaforma a sviluppatori di terze parti.

Immagine di Shutterstock.

Declinazione di responsabilità: CoinDesk è una controllata di Digital Currency Group, che detiene una partecipazione azionaria in Everledger.