I paesi dell'Unione Europea (UE) cercheranno un giro di vite sui bitcoin durante i colloqui di crisi di domani, sulla scia degli attacchi di Parigi della scorsa settimana, riferisce Reuters.

Una bozza di documento vista da Reuters ha detto che i paesi membri dell'UE stavano pianificando di reprimere le valute digitali e i sistemi di pagamento anonimi effettuati tramite carte prepagate nel tentativo di arginare il finanziamento del terrorismo.

I ministri della giustizia e degli interni dell'UE che parteciperanno alla riunione dovrebbero invitare la Commissione europea a proporre misure per "rafforzare i controlli dei metodi di pagamento non bancari quali pagamenti elettronici / anonimi e valute virtuali e trasferimenti di oro, preziosi metalli, con carte prepagate ", ha detto il progetto di conclusione dell'incontro visto da Reuters.

All'inizio di questa settimana, la Commissione europea ha affermato che stava valutando se bitcoin o altre valute digitali potrebbero servire a finanziare attività terroristiche e riciclaggio di denaro come parte di una nuova relazione sulla sicurezza.

La notizia arriva dopo che un rapporto pubblicato dal governo britannico il mese scorso ha ritenuto che le valute digitali rappresentassero un rischio "basso" sia per il riciclaggio di denaro sporco sia per il finanziamento del terrorismo.

Immagine di Parigi tramite Shutterstock