I pubblici ministeri europei stanno parlando di un nuovo progetto paneuropeo progettato per combattere i mercati oscuri sul web e stanno affrontando il bitcoin come uno strumento chiave di questi bazar illeciti.

Il commercio illecito di mercati online (ITOM) è stato avviato dal Pubblico ministero olandese, l'Openbaar Ministrie.

Dando il via ad una riunione nell'aprile di quest'anno, il progetto riunisce le forze dell'ordine di vari paesi europei nel tentativo di fermare il commercio illegale di beni online. Le agenzie coinvolte includono Europol e le forze dell'ordine dal Regno Unito, Portogallo e Germania.

Il progetto ha identificato il bitcoin come un pilastro fondamentale a sostegno del commercio illegale e si concentrerà sulla valuta digitale come parte dell'ecosistema del mercato oscuro.

Wim de Bruin, portavoce dell'Openbaar Ministrie, ha citato il valore delle criptovalute per l'economia globale, ma ha preso in considerazione il loro uso in attività illecite:

"Consideriamo il bitcoin e altre criptovalute come una buona Oltre al mondo del commercio economico, purtroppo sembrano offrire grandi benefici al commercio illegale, ai trasferimenti di denaro internazionali illegali e al riciclaggio di denaro.

Speriamo di poter stimolare la "comunità bitcoin", come la chiamano, ad aiutare teniamo il bitcoin [sistema] libero da usi illegali il più possibile.Il nostro obiettivo finale è che il sistema bitcoin diventerà il più autoregolamentato possibile. "

De Bruin ha aggiunto che l'organizzazione stava già parlando con scambi e banche bitcoin, tra gli altri terzi

Interventi multidisciplinari

L'ITOM ha tenuto una riunione plenaria su "interventi multidisciplinari" a giugno, sebbene de Bruin non abbia commentato le questioni operative, un documento pubblicato dal Ministrie delineando l'attenzione del progetto può dare indizi su ciò che questi interventi sono, o chi potrebbe essere preso di mira per l'accusa.

Il documento descrive ciò che il gruppo considera l'ecosistema per il commercio finanziario, suddividendolo in sette fasi principali: ottenere beni, connettersi a Internet, offrire beni in vendita, contattare acquirenti, spedizione, pagamento e servizi finanziari per trattare con i ricavi.

Descrive i giocatori illegali in questi sette passaggi, inclusi i dealer, i provider di hosting a prova di proiettile, gli amministratori del sito web, i venditori di siti Web, i clienti e i muli del denaro. Il documento delinea anche un elenco di partner che presumibilmente i pubblici ministeri vogliono lavorare per indirizzare i mercati oscuri. Questi includono ISP, dogane, gruppi di prevenzione della droga, servizi logistici - e, in particolare, la comunità bitcoin.

In una dichiarazione al giornale olandese Volksrant , il Ministrie ha evidenziato l'ITOM come un tentativo di indirizzare il commercio illegale internazionale collaborando con paesi di tutta Europa.Ha promesso di abbattere mercati oscuri, e anche di concentrarsi su servizi postali e logistici come meccanismo di consegna di beni illegali.

La ricerca del progetto potrebbe stimolare nuove politiche di criptovaluta a livello europeo, de Bruin ha dichiarato:

"Speriamo di avere una visione migliore degli effetti e della necessità delle normative riguardanti le criptovalute all'interno dell'UE alla fine di il progetto nel 2015. Lo scopo del progetto è di consigliare la Commissione europea e gli Stati membri in questa materia, sperando anche di stimolare l'uniformità tra gli Stati membri nel modo in cui regolano e gestiscono le criptovalute. "

The La risposta del pubblico ministero a Volkskrant ha anche suggerito che la nuova legislazione potrebbe essere in grado di aumentare la visibilità delle transazioni bitcoin.

Non tutti sono a bordo

Alcuni membri della comunità di bitcoin non sono stati molto contenti della mossa, considerandola una minaccia diretta alle proprie attività online. Mike Gogulski, creatore originale del fondo per la difesa di Ross Ulbricht, afferma che non usa i mercati oscuri, ma li "supporta al 100%".

"Finalmente riconosciamo che il commercio finanziario è un discorso, e che è un discorso degno di tutte le protezioni che la" libertà di parola "attrae", ha detto Gogulski, con sede in Slovacchia, che ora gestisce un servizio online di riciclaggio di bitcoin.

Nonostante l'arresto di Ulbricht e le successive accuse per reati legati alla droga, l'attività del mercato oscuro sta crescendo e la tecnologia per avviare tali mercati è prontamente disponibile e la crittografia rende difficile per le forze dell'ordine chiuderli. 999> Jerry Brito, fondatore del servizio di consulenza sulla politica di criptovaluta Coin Center, ha affermato che gli operatori del mercato oscuro devono affrontare le proprie sfide:

"Penso che sia molto facile iniziare uno, ma poi devi convincere le persone a fidarti di te per usare quel mercato, e non penso che sia affatto facile. E penso che sia anche difficile mantenere l'OPSEC [sicurezza operativa] di cui hai bisogno per essere completamente impenetrabile. Quindi non sono sicuro di poter dire in questo momento chi sta vincendo. Questa è una grande sfida per le forze dell'ordine. "

Il presunto fondatore di Silk Road, Ross Ulbricht, è stato arrestato dopo diversi errori OPSEC che hanno portato le forze dell'ordine alla sua porta.

L'ITOM è attualmente nel mezzo dell'attuazione degli interventi che programmato a giugno, questa fase durerà fino a marzo 2015, dopodiché il gruppo valuterà i risultati: ci sarà un seminario conclusivo sul progetto a settembre e poi un rapporto finale a dicembre 2015.

Immagine mercato buia via Shutterstock.