Bitstamp ha avviato un'azione legale per oltre 1 milione di dollari in fondi contestati relativi alla vendita di quasi 100 milioni di XRP il mese scorso.

Bitstamp, che gestisce un gateway Ripple e uno scambio bitcoin, ha presentato un reclamo per l'interprete il 1 ° aprile al tribunale distrettuale degli Stati Uniti nel distretto settentrionale della California. Jed McCaleb, il fondatore di entrambi Ripple Labs e Stellar, e due membri della famiglia di McCaleb sono stati nominati nella denuncia.

I Ripple Labs hanno utilizzato $ 1, 038, 172 in fondi contestati per acquistare 96, 342, 361. 6 XRP messi in vendita attraverso un account presumibilmente controllato da McCaleb, secondo la denuncia.

La disputa rappresenta l'ultima battaglia tra Ripple Labs e McCaleb, che ha co-fondato la compagnia solo per poi partire e fondare Stellar, una biforcazione della rete di Ripple. Da allora, le due parti hanno combattuto su questioni di rete e sono state successivamente oggetto di un rapporto approfondito dal New York Observer.

Origine della controversia

Il deposito prosegue affermando che Ripple Labs ha dichiarato a Bitstamp che la vendita era in violazione di un contratto concordato tra la società e McCaleb. Tale accordo, raggiunto nell'agosto 2014, ha stabilito che McCaleb aveva il diritto di vendere solo $ 10.000 in XRP a settimana durante il primo anno, un importo che diventerà gradualmente maggiore su un programma di sette anni.

Ripple Labs e Jacob Stephenson, cugino di McCaleb, hanno rivendicato il denaro, con Ripple Labs che avrebbe inviato due lettere a Bitstamp tra il 26 e il 30 marzo chiedendo il rilascio dei fondi.

Bitstamp ha chiesto al tribunale di risolvere la controversia relativa alle richieste di risarcimento, secondo i documenti del tribunale ottenuti da CoinDesk. Il team legale di Bitstamp ha scritto nel deposito che "per quanto riguarda i fondi contestati, Bitstamp è uno stakeholder disinteressato. "

Consigliere di Bitstamp George Frost, che ha rappresentato Ripple Labs in una disputa dopo le dimissioni dell'ex membro del consiglio Jesse Powell, ha dichiarato in una dichiarazione:

" Bitstamp non è stato in grado di risolvere questa richiesta con Ripple Labs. abbiamo determinato i fatti alla base della controversia in materia di proprietà, abbiamo deciso che un deposito dell'interpretazione era l'approccio corretto, anzi, è solo un metodo per risolvere le controversie in queste difficili circostanze. "

Quando raggiunse il commento, il portavoce di Ripple Labs Michael Azzano caratterizzò processo come "bella routine".

"Questo è Ripple Labs che osserva alcune transazioni che potrebbero essere contrarie al loro accordo con Jed", ha detto a CoinDesk.

McCaleb, a sua volta, sostiene che l'XRP fosse stato donato ai membri della famiglia prima della conclusione del suo accordo con Ripple Labs e, pertanto, non erano soggetti a questo accordo.

"Sono sicuro al 100% di non violare alcun accordo con Ripple Labs e tutte le prove lo confermeranno", ha affermato.

Presunto sforzo per incrementare la vendita

Secondo la denuncia, Ripple Labs disse a Bitstamp che McCaleb intendeva vendere l'XRP per utilizzare quei fondi per sostenere uno sforzo fallito di vendere 650 milioni di stellari, il cui ricavato sarebbe poi essere utilizzato per supportare lo sviluppo della rete Stellar.

Identificati nella denuncia sono due indirizzi Ripple, ognuno dei quali è dichiarato essere sotto il controllo di McCaleb e della sua famiglia - rUf6pynZ8ucVj1jC9bKExQ7mb9sQFooTPK (citato nella denuncia come "rUf6") e r3Q3B6A2giHDMef83AztzBStBm1JBmxUKX ("r3Q").

Il file riporta:

"Intorno al 20 marzo 2015, r3Q ha offerto di vendere 98, 846, 600 XRP sul portafoglio ordini di Bitstamp USD, che includeva l'89, , 900 XRP ricevuto da rUf6 in o intorno a tale data e un ulteriore 8, 846, 700 XRP del 10m XRP che r3Q aveva precedentemente ricevuto da rUf6 il 6 gennaio 2015 o intorno a questo. Per informazione e convinzione, questa offerta è stata fatta a direzione di McCaleb e per il vantaggio di McCaleb e Stellar , con l'intento di utilizzare i fondi per acquistare STR dall'asta STR. "

Lo stesso giorno, la denuncia afferma, Ripple Labs si è trasferito per acquistare 96, 342, 361. 6 XRP al costo di $ 1, 038, 172. Ripple Labs in seguito ha dichiarato a Bitstamp di aver acquistato l'XRP" per evitare e attenua danni e danni irreparabili ".

Il deposito continua:

L'agente" Ripple Labs "ha inviato $ 1, 038, 172 in fondi di acquisto a r3Q sul gateway Bitstamp. Ripple Labs richiede i fondi per l'acquisto, su cui ha concordato che restituirà l'XRP acquistato a rUf6. "

Bitstamp ha affermato che dal momento che l'XRP è stato venduto, ci sono stati tentativi di utilizzare $ 1, 038, 172 per l'acquisto I fondi, secondo il deposito, sono stati distribuiti sull'account r3q e su altri due account - rvYAfWj5gh67oV6fW32ZzP3Aw4Eubs59B e rPQB4rgmwoaCjdX4BeoWikeshWL3fLMLD7 - da quando è stata effettuata la vendita.

Fondi contestati congelati

Bitstamp ha dichiarato che il 31 marzo, ha congelato quei conti "a causa della controversia sulla proprietà in corso, i problemi normativi e AML e le dimensioni e le circostanze dei trasferimenti".

Ripple Labs, afferma la denuncia, sta cercando di invertire la transazione con $ 1, 038, 172 trasferito sul suo conto in cambio del trasferimento dell'XRP sull'account rUf6.

L'archiviazione riporta:

"Ripple Labs ha fatto un reclamo ai fondi contestati che r3Q sta tentando di rimuovere dal Ripple Network ha chiesto a Bitstamp di trasferire i fondi contestati all'account Ripple di Ripple Labs in cambio di Ripple Labs che ha trasferito l'XRP a rUf6. "

Secondo Bitstamp, McCaleb e Nancy Harris - sua zia - devono ancora presentare un reclamo formale sui fondi ma potrebbero decidere di farlo in futuro. Il deposito ha aggiunto che altre parti sconosciute potrebbero tentare di far valere rivendicazioni anche sui fondi.

Oltre a chiedere al tribunale di risolvere la controversia tra le diverse parti, Bitstamp ha chiesto di poter continuare a detenere i fondi contestati fino a quando il tribunale emetterà un giudizio in merito.La società ha anche chiesto di essere assolta da eventuali contenziosi futuri in relazione ai fondi contestati.

BitStamp: Ripple Complaint

Immagine Tug of War tramite Shutterstock